17.5.06

krak si presenta senza invito al Cabaret Voltaire

Berna. Tra le due Guerre. Al cabaret Voltaire, mentre Tristan Tzara vomita inun gabinetto e si attende l'arrivo di Marlene Dietrich. Un poetastro alquanto sudaticcio occupa i lpalco fiocamente illuminato, tra fumi cubici e chiacchierate mittleuropee(eeeeeee), da un trespolo, nudo, con enorme panza burrosa che vacillia come pietra su cucuzzolo di montagna arcadica:
"Vi elenco ora la mia squadra di Governo:

Ministro dell'ambiente, Scorticato Ascanio. Ministro delle Infrastrutture sociali, Sodalizio Massonico Incaprettato. Ministro dell'università e della Terza Età, Gesù Crsito. Ministro delle Budella sparse sul pAvimento, Dan Brown. Ministro della Scarpa Sciolta, San Pancrazio da Magonza, Ministro di Keplero, Keplero. Misntro degli Interni, Esterni. Ministro degli affari Esterni, Esterni. Ministro dell'Esternazione, Filippo Tommaso detto Marinetti, Ministro della Santa Sede, Don Abbaondio Sedato. Ministro della Peristalsi Catodica, Antonio di Pietra su cui fondero la Mia Chiesa. Ministero del Codeice Da Vinci, Don Brown. Ministro della ricerca Scientifica, Doc Brown (grande Giove). Ministro per l'Integrazione del Paganesimo Sensoriale, A.C. Ministro dell'Ortodossia, Papa ratzinger in tuta mimetica.

Infine otto Sedimenti Senza Portafoglio:
San Biagio privato della Parola, Ponzio Pilato privato della Parola e della Vista, Beckenbauer privato del Pene e senza una Gamba (ente unico); il becchino di Minneapolis (quello che ha seppellito Elvis), Dan Brown con in mano la Bibbia, Iannis Xennachis con in mano una pianola Bontempi, Dave Brubeck pittato di nero, Federico II di Svevia e la sua corte di pericolosi intelettuali, la Capretta Benedetta, uno dei fratelli Lumiere (quello senza barba).

Fine del virgolettato"

(voce fuori campo) -Ma...colpo di scena. Un uomo armato di pistola rivendica il suo ministero ed il suo portafoglio ben gonfio di denaro e preservativi da usare in appositi bordelli istituzionalizzati.-

"Chi sei tu, che ti presenti in questa occasione di letizia armato di bestemmie e revolver?"
(il poetarstro, stillante sudori mucosi, scende dallo sgabello e mostra a tutti senza vergogna le sue putenda pallide e sottoformate)
"Io sono Kraken e rivendico il mio ruolo di ministro."
"E che ministero ti spetterebbe?"
"Il fremente Ministero dello Spargimento di Sangue!"
Urlo disumano e primitivo. Decay di 13 secondi. In tale lasso di tempo a tutti i presenti viene fornita una pistola caricata con pallette d'argento da 3 pollici ed un foglio in carta straccia dove sono illustrate istruzioni per togliere la vita in tre passi.

1-togliere la sicura (segue disegnino ad indicare la locazione della sicura & vettore direzionale necessario per sbloccare lastessa)
2-puntare il revolver nell'aria delle meningi
3-premere i grillo talpa

in caso di errore ripetere le istruzioni partendo dal punto specificato con il numero 1.

Il poetastro ignobile e come mamma l'ha fatto inizia a toccarsi la sua frenetica massa adiposa e a secernare uno spirito santo che lesto (e Lessie) un cardinale presente provvede ad imbottigliare in fiale puzzolenti da usare al Carnevale di Rio. Dopo questa danza ectoplasmatica egli si pone in tesissimo ascolto della platea. Ecco che inizia ad udire i primi esoscheletri scricchiolare sotto la forza del timido dito punitore dello spettatore. Una pessima nottata per i grilli talpa. Pian piano tutti i presenti sogghignano schiacciando le povere bestiole con le loro dita colleriche e represse. L'atto dell'uccisione senza conseguente castigo sociale lascia tutti lievemente eccitati e costernati. Ma il più eccitato è proprio lui, il poetastro, poichè si rende conto di aver messo il pubblico in azione. Un brividio di autocompiacimento scorre sul suo suolo lardoso.

UNA PRECE PER I GRILLITALPA.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home