21.4.06

la codardia della vittima di krakenmeretrice

Bastiano anteponeva sovente al sonno un rituale da vera cloaca alessandrina.
Scolava per benino almeno un litrozzo di caglio dalle mozzarelle di bufala comprate da Alfiaccio tre settimane prima, univa alla liquefacente linfa delle scaglie di fegatazzo di Tarso andino precedentemente lasciate essiccare nel vecchio porta scovolone della nonna malata da sempre di colite intestinale e ingurgitava stranamente festoso il metabolico intruglio vitaminoso.
Bastiano era un tipo davvero senza palle.
Faceva tutto ciò ogni sera, prima di coricarsi, per svegliarsi in quel della notte grazie a sconquassi crassi fenomenali ed evitare le sue terribili Polluzioni Infantili.
Interrompere il sogno: il suo diabolico segreto.
Accadde un fatto davvero strano.
Mentre Bastiano, il 31 ceppaio del XVII sec ante a.C., cercava con certa disperazione di compiere l'azione fulmninea di raggiungere il cesso sito in un ormai sito archeologico della Svizzera cetacea, cesso distante un chilometraggio indefinibile dai numeri primi, forse addirittura nell'ordine di centinaia di pecore in fila indiana, ma diciamo pure percorribile a vello nudo per una buona ceppa di cazzi, si accorse che la semplice idea di porre fine allo scempio erettivo, con una deprecabile eruzione intestinale ed urinaria, era destabilizzata da una esemplare e persecutoria erezione.
Impossibile che la soluzione di nonno Igino, vecchio spellatore di daini a mani nude, non abbia funzionato questa volta.
Aperse gli occhi con furia.
L'immobilismo del sonno veglia era disarcionato.
Spalancò gli occhi e capì.
L'incubo della sua pubertà, la donna nera dei suoi tormenti, era mostruosamente incarnità davanti a lui, accovacciata sul suo penuncolo, baffutissima, invoracita da uno spettacolare soffocotto.
Kraken meretrice trovò finalmente le forze di materializzarsi, quel dì di poca luce eterea, e di realizzare il suo piano sciacquapalle.
Quando Mery finì di ingoiare, prese i testicoli di Bastiano e li scotolò con furia emettendo delle ancestrali flautolenze.
Bastiano, ormai settantenne, esalò.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home