22.3.06

Kraken & Bagascio regia di Ridley Scott.

Il gan canyon aperto davanti ai loro tremanti occhietti, lo sceriffo Solomon che li rincorreva a piedi afflitto dalla sua ippopotomiaca massa di lardo dondolante, gli elicotteri come scarabei dorati in volo nevrastenico su di loro, punti rosso-laser puntati sulle loro capocchie insudiciate dal crimine, una thunderbird verde del 1929 (l'anno del crollo della borsa) sotto le loro chiappe. I sedili di pelle allagati dal perverso liquore dei pori ipertesi creavano infami pozzanghere dove le zanzare del caos primidio rimpinguavano la loro ributtante stirpe.
Il motore ancora acceso.
Kraken e Bagascio, infami creature del senza tempo, si guardarono alle spalle. Lì oltre il culo elegantissimo della thunderbird del '29 ancora si fiaccava la fianchetta Solomom Burke nel vano tentativo di raggiungerli. Dietro di lui un esercito di sbirri con occhiali a specchio e marijuana nei pantaloni sequestrata ai ragazzotti dell'Urbanitas in gita sciamanica nel Grand Cazzo di Canyon. Un esercito di froci frustrati dalla loro uniforme, pronti a incaprettarsi tra loro a fine turno nelle celle più lerce del commissariato inpolverato dalle roventi granaglie del deserto. Tutti con una foto del generale Custer nell'armadietto ed una di Pasolini nel cuore.
Kraken e Bagascio si guardarono negli occhi; sul sedile posteriore una polaroid dei tempi della scuola, in cui si erano ritratti nei cessi dell'istituto con in mano la loro prima canna di marocchino, svolazzò via.
Molte cose erano cambiate in quel fottuto week end e tornare alla vita di ogni giorno era ormai impossibile.
Kraken diede uno sguardo, l'ultimo, alla foto di Brigitta Bulgari che aveva attaccato accanto al San Antonio Proteggimi il giorno in cui aveva acquistato la Thunderbird da Sonny Rollins. Bagascio cercò qualcosa a cui pensare ma non trovò niente di meglio che computare la serie di Fibonacci fin dove non si era spinto prima.
Intanto Solomon Burke era schiacciato dalla sua massa panzoica senza pietà e qualche sbirro pensava già di sposarsi ed avere un figlio solo per avere un ragazzino da violentare regolarmente ogni volta che tornava a casa dal turno di pattuglia.
Kraken premette l'accelleratore e lui e Bagascio volarono su su nel cielo sopra il Gran Fottuto Canyon. Una sensazione come di dissolvenza in bianco li avvolse.
Poi l'inverosimile...

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home