23.2.06

otto il bulbo e un pesce palla

otto von sbrindellò la corazzata per i mari del mondo, digiunando per un certo convicimento penitenziale che l'avevo colto dopo il parto. dopotutto 129ooo soldati pur soldatucoli avevano ampliato il suo ventre a dismisura spingendo la cancelleria imperiale a fregiarlo del titolo di generale. c'era da star contenti. il polo restava il sogno la meta il premio di una lotteria in solitudine dopo la scomparsa dell'amato brian. la terra promessa l'eldorado di tutti i generali la lingua di ghiaccio e del fuoco.
i mesi presero a schiaffi il calendario che otto aveva ricevuto in funzione apotropaica da Don Carrisi come ultimo gesto decente del padre prima dell'harakiri. beh dopotutto brian se la sfangava tra i materassi di berlino e i party londinesi succhiando il cazzo ai musicisti glam in segno di cordialità, di kraken si erano fortunatamente perse le tracce per un po' e per qualunque uomo no sarebbe più logico che inoltrarsi nei grandi oceani in cerca del Polo. Ma Bagascio era stato visto dalle parti del Giappone inseguire un vecchissimo viet-cong in preda alla combriccola di una bussola rotta. Per bismark era un'occasione irrinunciabile: un confronto ad armi pari, 129000 a uno, per riaffermare la sua carica e il prestigio ad aureola che gli circoncideva il cranio.
Così in preparazione al pedinamento von tirò il freno a mano inchiodando la scialuppa sulla spuma di una medusa in ritirata. Quindi allestì il più grande pranzo che la storia rammentava srotolando una tovaglia di seta francescana rubata nel monastero della sua infanzia( Patapam- patapam...) lungo il bordo del transatlantico.
Al momento del pollo, tra un lancio di costatine di maiale e colpi di balestra dei convitati, uno scoglio di ghiaccio centrò l'amaradam e in particolare l'occipitale di bismark facendo cadere nella bocca di un pesce palla l'occhio di vetro dell'illustrissimo generale.
pesce che s'inabissò come un levriero a zonzo per la campagna fluttuando tra flutti e frutti di mare, mare che andava squamando i suoi livelli di profondità come una liquida psoriasi. poi bagascio fece centro con il bulbo sinistro ricevuto nel canestro di un lameriera dell'antico nautilus inabissatosi mille anni or sono, dove si rifugiava dal giorno della sua morte mediatica.

continua

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home